Salone delle Fontane a Roma, in allestimento per la presentazione della squadra di Governo del M5s. Tra i primi ad arrivare c’è Manlio Di Stefano che pur non facendo parte della squadra di Governo commenta così il team candidato dal Movimento: “Presentiamo al Paese una squadra veramente seria. Se pensate che in questo momento abbiamo ministri come Alfano o la Lorenzin”. Il nodo è quali forze politiche potrebbero dare l’appoggio ad un governo M5s guidato da Luigi Di Maio, dopo le annunciate chiusure da parte del Partito Democratico e di Matteo Renzi. “Ringraziando il cielo il Pd in Parlamento sarà una quota minoritaria, sono contento che si renda conto da solo che sta uscendo di scena – commenta il parlamentare M5s – noi chiederemo di convergere sulla nostra squadra e sul nostro programma a chiunque in Parlamento”.  Di Stefano poi esclude la convergenza di Forza Italia sul programma M5s e dunque chi resta? “Da Leu a Potere al Popolo, ma anche a destra: chiunque voglia, anche se spero che Casaponud non entri in Parlamento” conclude Di Stefano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, il candidato ministro M5s Giuliano: “La Buona scuola? Non va abolita, ma migliorata e superata”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, fuoco amico contro De Girolamo. Mail da dentro Forza Italia invita a votare solo per l’altro candidato

next