“Chiamiamo a raccolta il popolo della Costituzione contro questa legge elettorale”. Antonio Ingroia lancia la sua “Lista del popolo per la Costituzione” insieme a Giulietto Chiesa a Roma, in piazza Montecitorio. “Siamo stati vittime di questa legge che ha introdotto una disparità di trattamento tra forze politiche già in parlamento e gruppi parlamentari appena costituiti che con una norma di favore sono stati esentati dalla raccolta delle firme”, dice Ingroia. “Abbiamo dovuto raccogliere le firme in meno di due settimane. Denunceremo in tutte le sedi questo vero e proprio sabotaggio. Abbiamo anche raccolto casi di sindaci che non hanno consentito di autenticare le firme. Non abbiamo paura delle imprese difficili e per questo non abbiamo scelto scorciatoie come ha fatto Emma Bonino”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Giulietto Chiesa presenta la Lista del Popolo: “I grillini? Sono già diventati casta e sistema”

next
Articolo Successivo

Elezioni, la candidata di Forza Italia all’estero telefona agli expat in Usa. Polemica sui social: “Ma chi le ha dato il mio numero?”

next