1. Cupido (feat.Quavo) – Sfera Ebbasta
    2. Cara Italia – Ghali
    3. Sciroppo (feat. DrefGold) – Sfera Ebbasta
    4. Rockstar – Sfera Ebbasta
    5. Ricchi x sempre – Sfera Ebbasta
    6. Serpenti a sonagli – Sfera Ebbasta
    7. Uber – Sfera Ebbasta
    8. Centro (feat. Coez) – Madman Coez
    9. Pem Pem – Elettra Lamborghini
    10. Ipernova – Mr.Rain

Fatto numero 1Sono le le 17:11 del 5 febbraio 2017. Queste sono le prime posizioni della Top 50 Italia su Spotify. Su Itunes qualcosa cambia: compare un Tommaso Paradiso con Elisa, tale Betta Lemme, una che girovaga in radio con un tormentone di dubbio gusto, e ritroviamo Ghali (stavolta al primo posto), l’ereditiera Elettra Lamborghini con la sua Pem Pem al secondo posto, qualche straniero, Sfera Ebbasta. Quello che colpisce, al netto del sempiterno fenomeno del tormentone, è lo strapotere della trap. Sfera Ebbasta, quello che domina le classifiche di Spotify, è stato tra i primi a proporre questo genere, con beat elettronici distorti imbevuti di autotune. Un genere che piace ai ragazzi, certo. E che evidentemente piace non poco, ai ragazzi.

Fatto numero 2. Cantanti in gara a Sanremo: Robi Facchinetti e Riccardo Fogli, Nina Zilli, The Kolors, Diodato e Roy Paci, Mario Biondi,  Luca Barbarossa, Lo Stato Sociale, Annalisa, Giovanni Caccamo, Enzo Avitabile con Peppe Servillo, Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico, Renzo Rubino, Noemi, Ermal Meta e Fabrizio Moro, Le Vibrazioni, Ron, Max Gazzè, Decibel, Elio e le storie tese, Red Canzian.

TEMA

Il candidato tracci un legame tra “fatto numero 1” e “fatto numero 2” e risponda alle seguenti domande:

1. Potrà il festival di Sanremo impattare sulle classifiche italiane in modo persistente e duraturo?

2. La kermesse canora è ormai puro intrattenimento televisivo, versione “old” dei talent?

3. Fare una previsione sul tasso noia di questa edizione

p.s Venerdì, qualunque sia la situazione, faremo un pezzo analogo con la classifica (per un aggiornamento in corsa)

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Sanremo 2018, premio alla carriera a Milva. Malgioglio: “Se non fosse stato per me non l’avrebbero nemmeno nominata. Sono felice”

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2018, Antonio Ricci ai fan di Claudio Baglioni: “Avete fatto una petizione per farmi chiedere scusa? È lui che deve chiedere scusa all’Italia”

next