Sole e cielo azzurro, anche se freddo pungente e ghiaccio sulla strada che sale fin su, al posto di metri di neve e della tormenta: questo lo scenario che oggi, a un anno dalla valanga che distrusse l’hotel Rigopiano a Farindola (Pescara), provocando la morte di 29 persone, accoglie la giornata di commemorazione promossa dal Comitato vittime che riunisce superstiti e familiari degli scomparsi. Nella mattinata un momento di raccoglimento e preghiera, in forma privata, e corteo con Fiaccolata fino alla chiesa parrocchiale dove l’arcivescovo di Pescara-Penne Tommaso Valentinetti celebrerà la messa. Alle 14.30 commemorazione nel palazzetto dello sport di Penne (Pescara) che fu base dei soccorritori

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Liceo Massimo Roma, prof. ammette abusi su studentessa: “Ero innamorato, rapporto consenziente. Chiedo scusa”

prev
Articolo Successivo

“Mio figlio nato morto in una prigione libica”. La fuga di una ragazza che sperava nell’Europa: “Sto sotto un ponte”

next