Gli incontri, o meglio le consuete colazioni a Palazzo Chigi tra Matteo Renzi, al tempo Presidente del Consiglio e Carlo De Bendetti, dopo che è stato pubblicato il verbale delle dichiarazioni dell’Ingegnere alla Consob, nel quale sono emersi i dettagli della speculazione sulle Popolari e i suoi rapporti con alcuni dei ministri del governo Renzi Carlo Calenda, Graziano Delrio e Roberto Giachetti commentano la vicenda al termine dell’evento sui progetti su Roma, svoltosi al Tempio di Adriano. Per Calenda: “Le colazioni? Non c’è certo il reato di colazione, ognuno va a colazione con chi gli pare, poi invece altro..”. Ma il ministro dello Sviluppo Economico non completa il suo pensiero. Ancor meno loquace il ministro dei Trasporti Graziano Delrio, che in passato si recò a Casa di De Benedetti: “Arriverci”, si limita a dire Delrio. Per Roberto Giachetti, invece che De Benedetti rivendichi come una sua idea il Jobs act è normale: “Molti imprenditori lo rivendicano e lo rivendicano soprattutto un milione di persone che grazie ad esso prima stavano in mezzo alla strada ed invece adesso lavorano”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, Gentiloni boccia la Raggi per “scarsa efficenza”. E Calenda: “Ecco perché rompo le scatole alla Sindaca”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Liberi e Uguali alle Regionali in Lombardia corre da solo: non sosterranno Gori

next