Al via lunedì 8 gennaio su Rai 3 la nuova stagione di PresaDiretta, la trasmissione curata da Riccardo Iacona. “Aspettatevi tanto lavoro e soprattutto quello che è oramai diventato il mio mantra: molto più approfondimento“, dice Iacona a ilfattoquotidiano.it. “Il nostro imperativo è che ogni puntata deve aprire mondi sconosciuti e mai trattati così”. A cominciare dalla prima puntata, che si occuperà di “come e perché la bicicletta può diventare il nuovo mezzo di trasporto alternativo, soprattutto nelle città”. E poi appalti, sanità, cibo, lavoro precario. “Il precariato viene tanto raccontato in tv con sguardo dall’alto. Un conto, invece, è raccontarlo vivendo con questi ragazzi”. E poi “sesso e potere”: “Un’occasione per dimostrare qual è la pancia del paese”, dice Iacona. E di fronte a questa campagna elettorale: “Ci ho pensato tanto e andando in onda in questi giorni ho forte senso di responsabilità nei confronti del pubblico. Cerchiamo di alimentare magari la campagna e elettorale con il confronto su grandi temi e non solo con lo scontro”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tv del dolore, Freccero: “L’unico antidoto è Chi l’ha visto di Lio Beghin”. Poi fa lo spoiler di House of Cards

prev
Articolo Successivo

Romano Tamberlich morto, addio allo storico curatore di Tv7 e Speciale Tg1. Seguì il caso Moro e l’inchiesta P2

next