Continuano le polemiche per l’introduzione dell’obbligo di sacchetti biodegradabili a pagamento nei supermercati per pesare i prodotti ortofrutticoli: “Non siamo contrari a questa norma, anzi – ha commentato Rosario Trefiletti, il presidente della Fondazione Isscom (Istituto studi sul consumo) – Danno fastidio l’imposizione al pagamento e il fatto che non ci siano alternative. Se continuiamo ad aumentare il confezionamento dei prodotti aumentiamo la quantità dei rifiuti. Imporre questo pagamento ha fatto indignare incredibilmente la cittadinanza, più di quanto si sia verificato per l’aumento delle bollette

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sacchetti bio a pagamento, il ministero: “Ok portarli da casa, no al riutilizzo”. Ma la direttiva europea dice altro

next