Continuano le polemiche per l’introduzione dell’obbligo di sacchetti biodegradabili a pagamento nei supermercati per pesare i prodotti ortofrutticoli: “Non siamo contrari a questa norma, anzi – ha commentato Rosario Trefiletti, il presidente della Fondazione Isscom (Istituto studi sul consumo) – Danno fastidio l’imposizione al pagamento e il fatto che non ci siano alternative. Se continuiamo ad aumentare il confezionamento dei prodotti aumentiamo la quantità dei rifiuti. Imporre questo pagamento ha fatto indignare incredibilmente la cittadinanza, più di quanto si sia verificato per l’aumento delle bollette

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sacchetti bio a pagamento, il ministero: “Ok portarli da casa, no al riutilizzo”. Ma la direttiva europea dice altro

next