Dall’1 gennaio riparte la rivalutazione delle pensioni, congelata da due anni. L’Inps, sulla base di quanto disposto da un decreto del ministero dell’Economia, ha comunicato che chi riceve fino a tre volte il minimo riceverà un adeguamento dell’1,1%. Quindi l’assegno minimo salirà da 501,89 a 507,42 euro al mese. In un anno l’aumento sarà di circa di 72 euro. Ai pensionati che ricevono mille euro sarà riconosciuto un incremento di 11 euro mensili.

Per gli importi tra tre e quattro volte il minimo è riconosciuto il 95% dell’inflazione, quindi l’1,045% dell’assegno, mentre per quelli tra quattro e cinque volte il minimo è riconosciuto il 75%, pari allo 0,825% del totale. Ai trattamenti tra cinque e sei volte il minimo è riconosciuto il 50% dell’inflazione (quindi lo 0,550%) mentre per gli importi oltre sei volte il minimo l’assegno viene rivalutato dello 0,45% rispetto all’inflazione (quindi dello 0,495%). Per una pensione superiore a 3.011 euro al mese la rivalutazione sarà inferiore a 180 euro l’anno, pari a 14,9 euro in più al mese.

A gennaio, comunica sempre l’istituto previdenziale, tutte le pensioni e le indennità saranno erogate da Poste e banche il 3, secondo giorno bancabile del mese. Nei mesi successivi, poi, gli assegni verranno sempre pagati il primo del mese o il giorno successivo “se festivo o non bancabile”. Lo ha previsto un emendamento alla manovra riformulato e approvato dalla commissione Bilancio della Camera che ha posto fine a incertezze e polemiche sulla data dell’assegno. Nel 2016 doveva infatti scattare il pagamento il secondo giorno bancabile che rischiava però, se a ridosso del weekend, di diventare anche il 4 o il 5 del mese. La misura era stata congelata per il 2016 e il 2017 e ora è stata definitivamente sostituita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Banche, Vegas e l’audizione in commissione: palcoscenico per mandare messaggi e guadagnare crediti politici

prev
Articolo Successivo

Telemarketing, approvata la legge contro le chiamate selvagge. I call center avranno prefissi riconoscibili

next