L’albero a cui tendevi
da Sindaca mano,
il pino menagramo
di Roma disonor…

E né la terra fredda,
E né la terra negra;
Né il sol più lo rallegra
Né lo risveglia amor.

Inane è ogni tuo sforzo
di innaffiarlo ancora,
che nulla lo ristora:
né luce né calor!

Tu fior della mia Giunta
Percossa e inaridita,
Albero senza vita
Estremo unico fior…

Oh pino sfortunato
Che i rami non raddrizzi
Susciti lazzi e frizzi

E inoltre sei durato
meno di un assessor

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’Italia potrà vendere i suoi monumenti a Stati esteri. È il bello della mondializzazione

prev
Articolo Successivo

Mendicanti, da Trieste a Como ordinanze contro chi chiede elemosina. Volontari: “Ci hanno impedito di distribuire cibo”

next