Lei, 14 anni. arrivata a scuola con la testa rasata era stata allontanata dalla famiglia, a nove mesi è arrivata la sentenza nei confronti dei genitori. Otto mesi per violenza privata con sospensione della pena per la mamma assolto con formula piena invece il padre, che non era presente nel momento in cui il fatto si è verificato.

Il gup del Tribunale di Bologna Letizio Magliaro, non ha accolto la richiesta del pm Flavio Lazzarini (che ha sostituito il titolare dell’inchiesta, il pm Augusto Borghini) di una condanna a un anno e tre mesi per entrambi i genitori per maltrattamenti in famiglia. La coppia, originaria del Bangladesh, è stata difesa dagli avvocati Roberto Godi e Alessandro Veronesi. Il Comune di Bologna, rappresentato dall’avvocato Donatella Ianelli, si è costituito parte civile a tutela della minore, che al momento continua a vivere in una comunità protetta. L’avvocato ha detto di “voler leggere le motivazioni per capire come mai un’attività vessatoria e umiliante nei confronti della ragazza sia stata ritenuta violenza privata”. Nessun risarcimento, inoltre, è stato riconosciuto dal giudice per il Comune: “Sarebbe comunque una cifra simbolica”, ha aggiunto l’avvocato Ianelli.

I difensori dei genitori sostengono che sia “ora di far tornare la bambina a casa. Faremo un’istanza al tribunale dei minori – dichiara l’avvocato Veronesi – per chiedere che la ragazza torni in famiglia, piange di continuo perché vuole tornare a casa. Sente i genitori per telefono e si incontra con loro, assieme sempre agli educatori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, Mouner El Aloual condannato a 6 anni di carcere: “Faceva propaganda in favore dell’Isis in rete”

next
Articolo Successivo

Expo Piastra, Beppe Sala indagato per concorso in abuso d’ufficio. I legali del sindaco di Milano: “Iniziativa persecutoria”

next