Parte oggi la campagna di Natale #iostoconbabbo promossa da Riparte il Futuro, associazione apartitica e indipendente impegnata nella grande sfida di sconfiggere la corruzione in Italia. In questi anni ben 1,2 milioni di cittadini si sono schierati al fianco di Riparte il futuro: un numero davvero importante, che da solo però non basta a cambiare la cultura del Paese liberandolo dalla corruzione, un obiettivo vitale per cui rimane ancora molto da fare.

La campagna #iostoconbabbo vede come protagonista Marco D’Amore nei panni di un Babbo Natale disperato perché non riesce a dare agli italiani ciò che chiedono: il contenuto delle lettere va ben oltre la richiesta dei soliti regali. Per esaudire le richieste arrivate a Babbo, c’è soltanto una soluzione: vincere la corruzione e l’illegalità diffuse nel nostro Paese.

 L’appello sconsolato di Babbo Natale “Non potete contare tutti su di me. Che nemmeno sapete se esisto o no” è una provocazione, non distante dalla realtà, per accendere nei cittadini la consapevolezza che, con uno sforzo in più, il destino dell’Italia può cambiare.

Riparte il futuro si batte contro la corruzione dal 2013. Oltre a causare inefficienza dei servizi, disuguaglianze, sfiducia nella classe politica, la corruzione impedisce l’afflusso di investimenti esteri che — spiegano gli esperti — creerebbero centinaia di migliaia di posti di lavoro, in primo luogo per i giovani. Per questo, solo senza corruzione Riparte il futuro.

Sono tanti i risultati concreti che l’associazione è riuscita a ottenere in questi anni, anche grazie al sostegno dei cittadini: la riforma della legge sul voto di scambio politico-mafioso, l’abolizione dei vitalizi ai politici condannati per mafia e corruzione, l’introduzione del Freedom of Information Act. L’ultima importante vittoria di Riparte il futuro è davvero recente: dopo sedici mesi di campagna, il 15 novembre è finalmente diventata realtà la legge a difesa dei whistleblower, le persone che segnalano corruzione e illeciti sul lavoro.

Abbiamo voluto giocare con l’ironia, e Marco D’Amore si è prestato a questo gioco”, racconta Priscilla Robledo, campaigner di Riparte il Futuro. “Vogliamo trasmettere il messaggio che la corruzione colpisce tutti, grandi e bambini, e che i desideri in un paese corrotto come il nostro possono trasformarsi nel desiderio di ottenere un concorso pubblico trasparente o la gestione onesta dei fondi di ricostruzione dopo un terremoto. Combattere la corruzione è possibile, una legge alla volta: lo dimostra la recente approvazione della legge in difesa dei whistleblower.

Il video si conclude con una richiesta di donazione, per fare in modo che Riparte il futuro resti un’associazione indipendente e continui a combattere la corruzione fino a sconfiggerla davvero.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, dov’erano i Veltroni mentre Renzi sfasciava il partito e riabilitava B.?

next
Articolo Successivo

Toninelli (M5s): “Berlusconi? Fa le stesse battute da 30 anni, ma ha rovinato l’Italia”

next