Jabra ha presentato la versione rinnovata delle sue Elite Sport, un set di cuffie bluetooth in-ear indipendenti pensate principalmente per chi pratica attività sportiva vedendo integrato un sensore di battiti cardiaci.

Presentati all’IFA di Berlino, i due auricolari delle Jabra Elite Sport sono più grandi di quelli delle normali cuffie in-ear. Il corpo dell’auricolare è pensato per occupare la conca dell’orecchio, lasciando sporgere appena i pannelli laterali dove trovano posto due pulsanti per cuffia – a destra accensione e funzioni, a sinistra quelli per il volume – mantenendosi saldo al suo interno grazie a degli appositi adattatori in gomma, Ear Wings, forniti in 3 misure diverse e facilmente sostituibili. Durante la prova abbiamo potuto constatare che scegliere gli Ear Wings giusti può variare notevolmente la sensazione di comodità data dalla cuffia stessa. Usarne uno di misura più piccola rispetto a quello adatto al proprio orecchio può far incorrere nel rischio di perdita dell’auricolare, mentre uno di misura più grande li terrà sì ben saldi ma inizierà facilmente a dare fastidio dopo alcuni minuti di utilizzo a causa della “durezza” dell’aletta che le sostiene inserendosi nella parte superiore della conca. L’auricolare vero e proprio si posiziona all’inizio del condotto uditivo, e si può facilmente adattare al meglio al proprio orecchio scegliendo tra le 6 coppie di adattatori, 3 in gomma piuma e 3 in silicone. 

Come per ogni cuffia bluetooth collegarle allo smartphone è abbastanza semplice. Il primo passo da fare è accoppiarle allo smartphone tenendo premuto il pulsante di accensione (pulsante inferiore dell’auricolare destro) per alcuni secondi, avendo a supporto nella procedura una voce guida. Qualora si vogliano usare entrambi gli auricolari – è possibile infatti utilizzare a scelta solo quello destro – basterà accendere anche l’auricolare sinistro, usando il pulsante vol -. Durante la prova le cuffie hanno offerto una buona qualità audio sia durante l’ascolto di musica, sia durante le chiamate, senza presentare disturbi o interruzioni del suono.

La durata della batteria ci è sembrata in linea con quanto dichiarato dal produttore, avendo ottenuto comodamente oltre 4h di ascolto sulla singola ricarica; prendendo l’abitudine di riporle nella custodia/base di ricarica in dotazione mentre non sono in uso, si prolungano le ore totali di utilizzo senza la necessità di collegarle ad una presa. La custodia, infatti, ha una sua batteria interna in grado di garantire fino a due ricariche complete delle cuffie (circa 20 minuti nella custodia offrono 1h di ascolto), per un totale che si posiziona intorno alle 13h se ricaricate completamente sia la custodia che le cuffie. La custodia è abbastanza compatta (7,2 x 5,1 x 2,6 cm) e comoda da portare in giro in una borsa o nella tasca di una giacca pesando meno di 70g.

Essendo pensate per lo sport, oltre ad essere impermeabilizzate, integrano il TrackFit, un sensore triassiale del movimento, ed un sensore per il battito cardiaco (posizionato sull’auricolare destro), compatibile sia con l’applicazione Jabra Sport del produttore stesso che con le più famose fitness-app presenti sugli store, permettendo di sfruttarle al massimo per le proprie sessioni di allenamento; il sensore per i battiti durante i nostri test è sempre stato abbastanza rapido ad eseguire la lettura iniziale, mantenendo poi costante l’aggiornamento con lo smartphone.

Le Jabra Elite Sport nel complesso della prova non hanno deluso dal punto di vista funzionale, esaltandosi per quanto riguarda le funzionalità legate allo sport. Unico neo, i pulsanti posizionati sugli auricolari oppongono forse più resistenza di quello che dovrebbero, portando l’utilizzatore a premere l’intera cuffia contro l’orecchio prima che il comando venga azionato, provocando un po’ di fastidio. Il prodotto si posiziona nella fascia alta del mercato con un prezzo di listino di 249,99 euro, che super addirittura quello dei più celebri AirPods di Apple (su cui però va ricordato sono assenti tutte le funzionalità per il fitness).

Pro:

  • Ottimo l’audio riprodotto sia per musica che chiamate
  • Dotazione di adattatori di varie misure
  • Sensore di battiti cardiaci

Contro:

  • Materiale dell’aletta superiore delle EarWings un po troppo rigido
  • Pulsanti un po difficili da premere
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Asus ZenFone 4: Twin Apps e doppia fotocamera i punti di forza dello smartphone di Asus

prev
Articolo Successivo

Web tax e geopolitica del digitale. Ovvero, come vedersela con Google & Co.

next