Da tempo rappresentante legale di alcuni attivisti espulsi dal M5S negli anni scorsi, l’avvocato Lorenzo Borrè ha fatto il punto sulla situazione ai microfoni dell’Ansa: “I miei assistiti sono stati tutti reintegrati a seguito dei vari provvedimenti cautelari emessi dai vari tribunali. Tra i vari provvedimenti che si chiedono al tribunale c’è quello di annullare definitivamente le espulsioni. A Napoli si chiede anche l’annullamento del regolamento del 2014 e la dichiarazione di illegittimità delle primarie del 2016. La proposta del solo annullamento della sospensione non sarebbe a mio avviso accettabile. Chiediamo una palingenesi del Movimento come era stato concepito da Casaleggio. Il fatto che siano stati introdotti organi con potestà disciplinari sottraendole all’assemblea lo rende meno democratico di altri partiti. Viene imposto un potere disciplinare in base a un regolamento che non risulta validamente approvato. E’ un problema non solo di semplice legalità ma anche di democrazia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Maio negli Usa: “Principali alleati, Russia interlocutore storico. Il M5s vuole replicare la riforma fiscale Trump”

prev
Articolo Successivo

Roma, consigliere municipale M5s: “Allontanate quelli del Pd anche col metodo Spada”. I dem: “Si dimetta”

next