“Ho chiesto di andare direttamente a processo perché questa è un’occasione pubblica di sapere e verificare per le persone che soffrono quali sono i diritti di scelta nella interruzione della sofferenza e della vita” Lo ha detto Marco Cappato, tesoriere dei Associazione Luca Coscioni, all’uscita dell’udienza in corso a Milano dove è imputato per l’aiuto al suicidio assistito del dj Fabiano Antoniani in una clinica svizzera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Centro non vedenti Brescia contro la Regione Lombardia: “Tagli ai fondi, nuova gestione mette a rischio l’eccellenza”

prev
Articolo Successivo

Dj Fabo, Cappato a processo a Milano per aiuto al suicidio. In aula video choc dell’intervista alle Iene

next