“Ho chiesto di andare direttamente a processo perché questa è un’occasione pubblica di sapere e verificare per le persone che soffrono quali sono i diritti di scelta nella interruzione della sofferenza e della vita” Lo ha detto Marco Cappato, tesoriere dei Associazione Luca Coscioni, all’uscita dell’udienza in corso a Milano dove è imputato per l’aiuto al suicidio assistito del dj Fabiano Antoniani in una clinica svizzera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Centro non vedenti Brescia contro la Regione Lombardia: “Tagli ai fondi, nuova gestione mette a rischio l’eccellenza”

next
Articolo Successivo

Dj Fabo, Cappato a processo a Milano per aiuto al suicidio. In aula video choc dell’intervista alle Iene

next