Pietro Grasso non ci sta e risponde per le rime al Partito Democratico, che a caldo gli ha addossato la principale responsabilità della bruciante sconfitta rimediata alle regionali in Sicilia. “Imputare a Grasso il risultato che si va profilando per il Pd, peraltro in linea con tutte le ultime competizioni amministrative e referendarie, è una patetica scusa, utile solo ad impedire altre e più approfondite riflessioni, di carattere politico e non personalistico, in merito al bilancio della fase attuale e alle prospettive di quelle future”. Così, in una nota diffusa dal suo portavoce, il presidente del Senato replica alle accuse rivoltegli in diretta tv da Davide Faraone dopo la sconfitta di Fabrizio Micari.

“Sullo stile e l’eleganza dei commenti di alcuni importanti esponenti del Partito Democratico in merito al coraggio del presidente Grasso – commenta il presidente del Senato in un comunicato in cui si rivolge al suo ex partito usando toni insolitamente aspri per le sue abitudini – non resta che confermare ancor di più le motivazioni per le quali il presidente si è dimesso dal gruppo del Pd: merito, metodi e contenuti dell’attuale classe dirigente del partito sono molto lontani da quelli dimostrati dal presidente in tutta la sua opera a servizio dello Stato e delle Istituzioni”, si legge ancora.

Quindi Grasso replica nel merito alle accuse mossegli: “Il presidente del Senato, Pietro Grasso, ha comunicato ufficialmente e con parole inequivocabili l’impossibilità, per motivi di carattere istituzionale, di candidarsi alla Regione Siciliana il 25 giugno scorso – continua la nota – Non si può certamente addebitare a Grasso il fatto che, al di là dell’ardita ipotesi di far dimettere la seconda carica dello Stato per competere all’elezione del Governatore della Sicilia, per lunghe settimane non si sia delineato alcun piano alternativo“.

Cosa aveva detto Faraone? “Micari ha avuto il coraggio che non ha avuto Grasso di fare il candidato del centrosinistra in una logica larga, proposta da Si e Mdp salvo poi tirarsi indietro – ha diceva il deputato Pd domenica sera commentando a caldo i risultati – a nostra idea era di riproporre il modello Palermo poi la sinistra si è tirata fuori: prima Grasso, di cui abbiamo atteso per due mesi il suo sì e poi le altre forze politiche della sinistra per fare danno a Renzi facendo in modo che la partita la giocassimo noi da soli”.