Ad Aversa tutti lo conoscono come Mister James, distinto professore di inglese nato a Cambridge che per anni ha insegnato nelle scuole pubbliche e private del comune casertano. L’unico problema è che Trevor John Addison, alias Mister James, non è laureato e non ha i titoli per insegnare a scuola. Adesso è indagato per truffa aggravata ai danni dello Stato e rischia fino a 6 anni di reclusione.

Il giudice per le indagini preliminari ha rigettato la richiesta di patteggiamento a 2 anni e 600 euro di multa avanzata da Addison: “Ha ripetutamente reso dichiarazioni menzognere riguardo ai titoli di studio conseguiti – ha dichiarato il gip – L’indagato ha tenuto una condotta solo parzialmente ammissiva delle sue responsabilità”. Per Mister James dunque niente attenuanti generiche e il beneficio della sospensione condizionale della pena.

A far crollare il mondo di bugie del professore sono stati due concorsi pubblici banditi dal liceo scientifico Enrico Fermi di Aversa lo scorso anno. Mister James li vince entrambi, ma il secondo classificato – come riporta il quotidiano campano Il Mattino – presenta ricorso al Tar per alcune irregolarità e il tribunale sospende tutto.

A questo punto Mister James rinuncia a difendersi in tribunale e si dimette da entrambi i concorsi vinti. Un comportamento strano che fa insospettire gli inquirenti. Ma il professore non aveva alcuna scelta: convocato in tribunale, avrebbe dovuto presentare la copia dei titoli inseriti nel suo curriculum. Complicato, visto che non ne era in possesso.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, bambina muore di meningite: gli altri genitori ritirano i figli dalla scuola

next
Articolo Successivo

Roma, sequestrate e violentate due 14enni: arrestati due giovani di 20 e 21 anni

next