Nella notte tra sabato 28 e domenica 29 torna l’ora solare. Alle 3 di notte le lancette degli orologi dovranno quindi essere spostate indietro di un’ora. Quindi, da domani dormiremo un’ora in più e il sole tramonterà un’ora prima. Un cambiamento che, secondo il Codacons, “avrà effetti per 9 milioni di italiani, pari al 15% della popolazione”. Come? Influenzando negativamente l’umore, e non solo: “E’ stato infatti dimostrato come il ritorno all’ora solare generi nei primi giorni stanchezza, apatia, nervosismo, emicranie e, in alcuni casi, addirittura stati depressivi. Non è certo un caso se in farmacia, a seguito del cambio ora legale/ora solare, si impennino puntualmente anche le vendite di prodotti contro il jetlag”, dice ancora il Codacons.

Conseguenze negative per molti italiani, come conferma una indagine Federcoopesca-Confcooperative: “Per 1 italiano su 3 la minor esposizione al sole, legata al cambio dell’ora, è fonte di stress. Il ritorno all’ora solare porta stanchezza, nervosismo e insonnia, che spesso si sfogano a tavola con una alimentazione troppo sbilanciata, ricca di carboidrati e zuccheri. I più soggetti sono le ‘allodole’, le persone più attive al mattino presto, che risentono di più dei nuovi ritmi sonno-veglia”. Ecco perché è essenziale “una dieta più leggera che aiuti a controbilanciare la carenza di vitamina D legata alla minor esposizione al sole, tra le cause delle difficoltà a prendere sonno”.

L’ora legale, il cui obiettivo è guadagnare luce diurna, fu introdotta per la prima volta nel 1916. Abolita e ripristinata diverse volte, è stata definitivamente adottata nel 1965. Attualmente tutti i Paesi dell’Unione europea adottano lo stesso calendario per l’ora legale. Il modo per indicare l’ora legale in inglese è Daylight Saving Time, mentre nella maggior parte delle lingue si usa la locuzione “orario d’estate”.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabrizio Frizzi, la famiglia chiede riserbo sulle sue condizioni

prev
Articolo Successivo

Ruggero Freddi si racconta: “Io, ex pornostar e oggi professori di Analisi I e Ingegneria clinica”

next