Nella notte tra sabato 28 e domenica 29 torna l’ora solare. Alle 3 di notte le lancette degli orologi dovranno quindi essere spostate indietro di un’ora. Quindi, da domani dormiremo un’ora in più e il sole tramonterà un’ora prima. Un cambiamento che, secondo il Codacons, “avrà effetti per 9 milioni di italiani, pari al 15% della popolazione”. Come? Influenzando negativamente l’umore, e non solo: “E’ stato infatti dimostrato come il ritorno all’ora solare generi nei primi giorni stanchezza, apatia, nervosismo, emicranie e, in alcuni casi, addirittura stati depressivi. Non è certo un caso se in farmacia, a seguito del cambio ora legale/ora solare, si impennino puntualmente anche le vendite di prodotti contro il jetlag”, dice ancora il Codacons.

Conseguenze negative per molti italiani, come conferma una indagine Federcoopesca-Confcooperative: “Per 1 italiano su 3 la minor esposizione al sole, legata al cambio dell’ora, è fonte di stress. Il ritorno all’ora solare porta stanchezza, nervosismo e insonnia, che spesso si sfogano a tavola con una alimentazione troppo sbilanciata, ricca di carboidrati e zuccheri. I più soggetti sono le ‘allodole’, le persone più attive al mattino presto, che risentono di più dei nuovi ritmi sonno-veglia”. Ecco perché è essenziale “una dieta più leggera che aiuti a controbilanciare la carenza di vitamina D legata alla minor esposizione al sole, tra le cause delle difficoltà a prendere sonno”.

L’ora legale, il cui obiettivo è guadagnare luce diurna, fu introdotta per la prima volta nel 1916. Abolita e ripristinata diverse volte, è stata definitivamente adottata nel 1965. Attualmente tutti i Paesi dell’Unione europea adottano lo stesso calendario per l’ora legale. Il modo per indicare l’ora legale in inglese è Daylight Saving Time, mentre nella maggior parte delle lingue si usa la locuzione “orario d’estate”.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabrizio Frizzi, la famiglia chiede riserbo sulle sue condizioni

next
Articolo Successivo

Ruggero Freddi si racconta: “Io, ex pornostar e oggi professori di Analisi I e Ingegneria clinica”

next