Nome: Guglielmo Scilla. Età: 29 anni. Nome d’arte: Willwoosh. E’ lui il secondo ospite di Lofter, il programma – in diretta sul canale Facebook di Loft ogni giovedì alle 20.30 – che realizza interviste monografiche alle webstar più influenti del momento. Condotto da Matteo Maffucci, il nuovo format realizzato da Loft, nuovo ramo della Società editoriale Il Fatto dedicato alla produzione tv, si concentra su quei personaggi che da soli o in gruppo, grazie a un serbatoio di idee vincenti hanno conquistato centinaia di migliaia di follower e milioni di visualizzazioni. E Willwoosh, che si definisce “iperattivo”, con i suoi 265mila follower su Instagram e 434mila su Twitter, 590mila like su Facebook e 743mila iscritti al suo canale Youtube è sicuramente un pioniere fra gli youtuber italiani. Dal primo video realizzato il 31 dicembre 2008, Guglielmo ne ha realizzati centinaia fino ad arrivare al record di 3,1 milioni di visualizzazioni.

Così, dopo Gordon (il 19 ottobre) e Willwoosh, questa sera, il prossimo giovedì sarà la volta di Elisa Maino, 14enne con milioni di follower tra Instagram  e Musical.ly, il social dei playback. A seguire, Gabriele Dotti in arte Francesco Sole, poeta dei social network; Sofia Viscardi, vlogger il cui primo romanzo “Succede” è diventato subito un bestseller che presto sarà anche un film; Leonardo Decarli, youtuber della prima ora; Matteo Pelusi e Valentino Bisegna, in arte Matt & Bise, famosi online per i loro scherzi; i Nirkiop sigla che identifica il collettivo tarantino specializzato in video comici e composto da Anna Madaro, Nicola Conversa, Mirko Mastrocinque, Piero Madaro, Gabriele Boscaino; Le più belle frasi di Osho nome dietro cui si cela Federico Palmaroli, star della satira su Twitter e non solo; e ancora, Luca Denaro, il gamer noto come IlvostrocaroDexterTutte le interviste si potranno rivedere sulla pagina Facebook di Loft.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lofter, Gordon si racconta a Matteo Maffucci: “Come sono diventato una webstar amata dalle donne”

prev
Articolo Successivo

TgPorco nel Loft, ministra Fedeli-Guzzanti: “Ho dirottato il treno di Renzi”

next