Il sito francese Auto Moto Magazine ha testato in Sicilia la Skoda Karoq. Per girare il video test è stata scelta Corleone. Non una location a caso. La recensione, musicata con le note de Il Padrino, culmina con la descrizione del portabagagli. Quando il conduttore apre il portellone svela un uomo incaprettato. Il video è stato coperto di insulti dagli utenti della rete, tanto che a distanza di qualche giorno è stato rimosso.

Da Skoda Auto riceviamo e pubblichiamo:

ŠKODA AUTO declina ogni responsabilità per la produzione, i contenuti e la diffusione di materiale video realizzato da soggetti terzi in Sicilia. ŠKODA si dissocia espressamente da tutti i contenuti che possano costituire violazione della normativa civile e penale od oltrepassare i limiti della morale comune. È dispiaciuta per quanto successo a propria insaputa e riafferma di non essere mai stata né preventivamente informata né tanto meno coinvolta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da dove diavolo sbuca l’auto? La telecamera riprende un incidente. Ma nessuno riesce a spiegarlo

next
Articolo Successivo

Referendum Lombardia e Veneto, al seggio vestita da Wonder Woman: “Sono andata a votare con l’uniforme giusta”

next