Ha preso la pistola di ordinanza e si è ucciso nel suo ufficio Attilio Sebastiani, l’ispettore della polizia municipale di Bellaria che questa mattina doveva essere ascoltato dal Gip del tribunale di Rimini per un’inchiesta sull’assenteismo. Sebastiani era stato iscritto nel registro degli indagati per abuso d’ufficio in seguito a un’inchiesta coordinata dalla Guardia di Finanza di Rimini sull’assenteismo sui posti di lavoro.

Sebastiani era atteso dal giudice e dal suo avvocato difensore in tribunale; non vedendolo arrivare, gli uffici giudiziari hanno contattato il comando di polizia. Dopo aver provato a mettersi in contatto con lui, i colleghi hanno sfondato la porta del suo ufficio trovando il corpo senza vita dell’ispettore. Sul luogo del suicidio sono intervenuti i carabinieri di Rimini per effettuare i rilievi. Al momento non è stato trovato alcun messaggio di commiato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Varese, 20enne sparita nei boschi. Il compagno: “Rapita dai pusher”. Aperta un’inchiesta per sequestro

prev
Articolo Successivo

La Spezia, architetto trovato morto a bordo del fiume: si indaga per omicidio

next