Sono meno gravi di quanto apparso in un primo momento le condizioni della 17enne trovata questa mattina, 14 ottobre, ferita alla testa nel parco dell’Ambrogiana di Montelupo Fiorentino (Firenze). La ragazza è cosciente ed è in grado di parlare, anche se gli è stato riscontrato un forte trauma cranico, e viene sentita in queste ore dagli inquirenti nell’ospedale di Empoli dov’è ricoverata.

Secondo le prime ricostruzioni, la 17enne ieri sera era fuori con amici. Dopo un momento di disaccordo tra lei e gli altri membri della comitiva, la ragazza è rimasta su una panchina del parco mentre loro si sono diretti in una discoteca distante poco più di un chilometro. Al loro ritorno, non trovandola più, gli amici hanno dato l’allarme al commissariato di polizia di Empoli. La ragazza è stata poi trovata a terra ferita verso le 7 di questa mattina. A notarla è stata una passante, che ha chiamato i carabinieri.

Il parco dell’Ambrogiana, che si trova alla confluenza tra il fiume Pesa e l’Arno, è attiguo all’ex ospedale psichiatrico giudiziario ed è un abituale punto di ritrovo dei giovani della zona. L’area verde è abbastanza distante dalle case ed è dunque difficile che qualcuno dei residenti possa aver sentito eventuali grida di aiuto, nel caso in cui la ragazza sia stata aggredita una volta rimasta da sola. Alcune macchie di sangue e delle abrasioni riscontrate sui talloni della giovane fanno pensare a un trascinamento.

La polizia sta indagando sulla vicenda e sta cercando di ricostruire cosa sia accaduto alla 17enne durante la notte. Un elemento preso in considerazione dagli inquirenti è che nei giorni scorsi la ragazza era stata lasciata dal fidanzato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brescia, la movida è troppo rumorosa: Comune condannato a risarcire abitanti

prev
Articolo Successivo

Crisi epilettica al ristorante, la proprietaria al marito della donna: “Gente come voi stia a casa, clienti spaventati”

next