Accelerò rischiando di investire alcuni manifestanti che stavano protestando contro l’incursione di Matteo Salvini in un campo rom. Ma quella decisione presa dall’autista del segretario della Lega, che gli sedeva accanto, era necessaria per legittima difesa. Per questo motivo la Procura di Bologna ha chiesto l’archiviazione per il conducente dell’auto a bordo della quale Salvini si stava allontanando da via Erbosa. I fatti sono dell’8 novembre 2014 quando il segretario del Carroccio visitò il campo-nomadi storico di Bologna. La voce si diffonde e i manifestanti dei centri sociali arrivano e circondano l’auto su cui viaggiano Salvini con l’allora candidato alla presidenza della Regione Alan Fabbri e la consigliera comunale Lucia Borgonzoni. Qualche colpo alla vettura, spinte all’abitacolo. Per evitare di essere fermata, l’auto accelera e travolge due ragazzi che saltano uno sul cofano e l’altro sul tetto della macchina, senza riportare ferite. Prima che l’auto riesca ad allontanarsi, uno dei giovani dei collettivi la raggiunge e lancia un oggetto contro il vetro posteriore, mandandolo in frantumi.

Uno dei due ragazzi che hanno rischiato di essere investiti, Loris Narda, esponente del collettivo Hobo, presenta querela per le lesioni, prognosi di sette giorni. Lo stesso Narda fu a sua volta denunciato dalla polizia insieme ad altri. Nella richiesta di archiviazione per l’autista, il procuratore aggiunto Valter Giovannini stigmatizza la condotta dell’antagonista, “convinto, insieme ad altri, di avere il diritto, anzi arrogandosi il diritto, di decidere chi può o meno venire a manifestare la propria opinione nella città di Bologna”. Per questo l’autista – secondo la magistratura – agì per legittima difesa e la sua posizione dev’essere archiviata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Armando Spataro, la lettera per il figlio e la buona giustizia

prev
Articolo Successivo

Cpl Concordia, assolti ex vertici della coop: “Non ci fu concorso esterno in associazione camorristica”

next