Otto del mattino di un giorno qualunque, due amici, le bici e una telecamera. Riprendono il traffico lungo le ciclabili di Milano. Il risultato è allarmante: non c’è tratto che non subisca continue infrazioni del codice della strada. Auto e scooter “si allargano” sulla corsia per i ciclisti, proprio come se la linea gialla non esistesse. Peggio: furgoni e macchine utilizzano le piste ciclabili per sostare, costringendo chi è in bicicletta a sconfinare in direzione della carreggiata. Uno dei due cicloattivisti ha postato il video su Facebook, non senza prendersela col Comune. “Siccome c’è molto entusiasmo in rete per le due nuove piste annunciate dal Comune mi sembrava giusto raccontare che fine fanno le ciclabili di questa città: corsie preferenziali per moto e auto che hanno tanta fretta. Lo scrivo senza violenza o rabbia: l’amministrazione Sala vista da una bicicletta è un brutto fallimento”,  scrive Maurizio Guagnetti, che aggiunge: “Sono troppo radicale?”. Giudicate voi stessi dalle immagini e dai dati riportati nel video