Tre giorni fa aveva annunciato la sua candidatura alle elezioni regionali in Sicilia con l’Udc a sostegno di Nello Musumeci. Poche ore dopo le hanno danneggiato l’auto spaccandole il vetro anteriore. È successo a Roberta Giulia Mezzasalma, donna dal 1998 dopo essere stata per 23 anni un uomo. A denunciare l’accaduto è lei stessa. “Non sono neppure 24 ore che ho annunciato la mia candidatura in politica, è già questi sono i risultati. Se qualcuno per caso pensa di intimorirmi con questi mezzucci, forse ancora non ha capito che ha sbagliato persona. Forse ho proprio ragione quando dico che una babba fa tremare anche i muri”, dice l’aspirante consigliere regionale.

Nelle ultime ore sono state numerosi gli attestati di solidarietà ricevuti dalla donna. E lei, che gestisce un ristorante a Vittoria , in provincia di Ragusa, rilancia: “Sono stata ufficiale nell’esercito nel corpo del Genio Pionieri a Roma, ed il nostro motto era : Per aspra via ad aspra metà.  E non sarò certo io a tradirlo”, la donna nata con il nome di Gianluca ma che ha vinto anche diversi concorsi di bellezzo.

Nella video pubblicato su facebook Mezzasalma spiega il perché della sua candidatura con lo neo Scudo Crociato. “Da trent’anni -dice –  sono al potere sempre le stesse persone, io ci ho sempre messo la faccia con tutti. Mi sono messa contro delinquenti e mafiosi, ho dimostrato di volere il bene di questa città, se volete cambiare qualcosa sappiate che sono candidata nel partito dell’Udc, se volete fare un moto di protesta e portare alla Regione una persona che veramente rappresenti la vostra terra, votate per me”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Alluvione Livorno, respinta mozione di sfiducia contro Nogarin. M5s assente, Pd: “Mancanza di rispetto per i morti”

prev
Articolo Successivo

Mdp, ex viceministro Bubbico: “Renzi e Gentiloni vogliono alleato Verdini? Fatti loro. Basta che lo dicano”

next