Si chiamerà “Rivoluzione Italia” e sarà la forza civica e movimentista che affiancherà Forza Italia alle prossime elezioni. Mentre i partiti cominciano a prepararsi alla campagna elettorale imminente, Silvio Berlusconi non resta sicuramente a guardare. L’ex Cavaliere ha depositato infatti lo scorso 14 settembre, a quanto apprende l’agenzia Adnkronos, il marchio ‘Rivoluzione Italia”. Il nuovo soggetto politico affiancherà Forza Italia ed è pensato per controbilanciare l’ala sovranista del centrodestra formata da Lega Nord e Fratelli d’Italia.

Sembrerebbe prendere forma dunque quella che Berlusconi ha definito una “pazza idea” per vincere le prossime elezioni e sparigliare le carte. L’ex presidente del Consiglio ha infatti depositato lo scorso 14 settembre presso l’Ufficio brevetti e marchi del ministero dello Sviluppo Economico il marchio ‘Rivoluzione Italia’ per tutte le categorie della classificazione di Nizza, così da poterlo utilizzare anche per il merchandising, dai gadget alle spillette.

Spulciando il database del Mise, si scopre che già il 2 agosto scorso era stato registrato, sempre a nome di Berlusconi, la dicitura ‘Rivoluzione per l’Italia’. Per entrambi i loghi, il rappresentante legale è l’avvocato Cristina Rossello di Milano. Stavolta l’ex premier sembra fare sul serio e la rivoluzione azzurra tante volte annunciata potrebbe concretizzarsi in un movimento, lontano dalla vecchia politica, dando maggiore spazio alla società civile e a volti nuovi. L’obiettivo è intercettare il voto di protesta fino ad ora incarnato dai grillini e recuperare l’elettorato moderato rimasto deluso dal centrodestra negli ultimi anni, dando maggiore spazio alla società civile. Da qui la necessità di puntare su forze di stampo movimentista vicine alla gente come le liste civiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Sicilia, Fava attacca: “Con Micari e Musumeci uomini legati alla mafia”. E fa i nomi di candidati di Pd e Forza Italia

prev
Articolo Successivo

Alluvione Livorno, respinta mozione di sfiducia contro Nogarin. M5s assente, Pd: “Mancanza di rispetto per i morti”

next