Bagarre a L’Aria che Tira (La7) tra la deputata di Forza Italia, Daniela Santanchè, e il sociologo Francesco Caruso sulla percezione dilagante della paura in Italia e nel resto d’Europa. La conduttrice Myrta Merlino osserva che molta responsabilità è delle forze politiche soffiano sul fuoco. “No, per carità” – ironizza Caruso, indicando la parlamentare di Forza Italia – “Qui peraltro ne abbiamo un esempio estremo: una imprenditrice della paura. Va benissimo. Ci sono imprenditori della paura che fanno carriera sui giornali, altri che fanno carriera politica. E questo si riverserà contro di noi”. “Stavo parlando io, conosce l’educazione, visto che lei è un imprenditore?”, ribatte Santanchè. “No, no, io sono un professore universitario”, chiarisce l’ex antagonista No Global. “Ah, peggio mi sento pensando a quello che sta succedendo all’università” – commenta la deputata – “Che bei pasticci fate anche voi”. “No, i baroni” – ribatte Caruso – “Io guadagno 1412 euro al mese, quello che lei prende in un giorno“. “Certamente se li guadagno, non me li regalano. Comunque non li prendo dal pubblico”, obietta Santanchè. “Poi vediamo chi le regala i soldi, va’”, commenta Caruso. E si scatena la polemica. “Se ha qualcosa sa dire, lo dica adesso, visto che ha fatto un’affermazione molto grave” – protesta la parlamentare – “Lei parla e dice cazzate“. Dopo un fitto battibecco, l’ex deputato di Rifondazione Comunista accusa: “La sua società svolge servizi per nome e per conto di altre società. La committenza della sua società si chiama Mediaset“. “Io non lavoro per Mediaset” – controbatte Santanchè – “Non ho mai avuto un appalto per Mediaset”. Poi aggiunge: “Vorrei solo dire che sono molto felice per gli italiani che stanno mangiando e gli auguro buon appetito. Mi dispiace perché hanno sentito le cazzate che ha detto questa persona”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giustizia, Lavia vs Davigo: “Lei vede la politica come un male”. “Questo se l’è inventato lei”

prev
Articolo Successivo

Commissione banche, Giannini vs Malpezzi (Pd): “Non colpite banchieri che hanno lucrato e non dite la verità”

next