Roma “è in declino“, “è piena di droga“. Sono peggiorati “tutti gli indicatori di salute“, è la maglia nera “tra le 28 capitali Ue”. Virginia Raggi non è mai stata nominata, ma le parole di Walter Ricciardi e Beatrice Lorenzin non sono state certo un piacere alla sindaca di Roma. Sulla Capitale è stato tracciato un quadro desolante, prima nel discorso del presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) e a ruota in quello del ministro alla Salute, nel corso del convegno Crescita Vs Crisi.

Roma “è l’unica tra le 28 capitali dell’Ue che ha peggiorato i suoi indicatori di salute negli ultimi anni”, ha detto Ricciardi. “Tutti gli indicatori, da quello più solido che è l’aspettativa di vita e la mortalità infantile a quello per patologie tumorali, fanno riscontrare un peggioramento della situazione dei cittadini romani rispetto al resto di Italia”, ha spiegato il presidente dell’Iss. “Se hai una patologia neoplastica e vivi in una regione del nord hai un trattamento e quindi un’aspettativa di vita maggiore rispetto a quella romana. I cittadini che rinunciano per motivi economici alle cure al nord – ha aggiunto – sono molti di meno rispetto al sud. E il sud Italia comincia a Roma”. Ricciardi ha parlato anche della “prevalenza del diabete che si attesta tra il 6 e il 7% della popolazione romana, mentre normalmente la media italiana è il 5%“. “I romani si lamentano anche dell’accessibilità ai servizi, delle liste d’attesa. La gente quando utilizza i servizi italiani è soddisfatta, nel caso di Roma questa soddisfazione si colloca ai livelli più bassi del Paese”, ha concluso.

A rincarare la dose ci ha pensato poi il ministro Lorenzin. Roma è una città “che ha sofferto molto in questi anni, ha avuto un grande declino prima di tutto sociale e di legalità. Abbiamo avuto Mafia Capitale, una cosa pesantissima. E poi un declino vero delle fasce della popolazione più deboli. Ultimamente – ha aggiunto – quello che vediamo ci pone quasi al di fuori di quello a cui eravamo abituati: tanta povertà, tanti bambini poveri, tanti anziani poveri, tante donne sole“. Non solo, perché “l’impressione” del ministro alla Salute “Roma è piena di droga. Rivediamo le siringhe per strada, rivediamo i tossici per strada, gli spacciatori di eroina. Siamo pieni di cocaina“. “Si fa finta di non vedere come se il problema non ci fosse più, in realtà aggredisce tutti i ceti sociali e tutte le età, insieme all’alcol”, ha spiegato Lorenzin. “E gli spacciatori lavorano soprattutto sui giovani“, ha poi concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casapound, Mentana nella sede romana per un dibattito: “Vero errore è non confrontarsi. Movimento già legittimato da democrazia”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, il dem Zanda: “Contrario alla norma M5s anti-Berlusconi: è ad personam”

next