Una ragazza tedesca di 19 anni ha denunciato alla polizia di aver subito un tentativo di violenza sessuale alcune sere fa a Roma in un hotel, non lontano dalla stazione Termini, come pubblicato oggi dal Corriere della Sera. Il giovane che l’avrebbe aggredita dopo una serata in un locale è stato identificato e denunciato a piede libero, in accordo con la procura, ma secondo un comunicato della Questura “allo stato non emergono elementi certi che possano confermare responsabilità da parte dell’uomo”.

La denuncia, che è stata redatta alla presenza del denunciato, è stata trasmessa all’autorità giudiziaria. Secondo la ricostruzione del quotidiano la giovane, a Roma in vacanza, sarebbe andata con un’amica in un locale di via Palestro, vicino alla stazione Termini, e qui avrebbero conosciuto due ragazzi ventenni, non si sa se italiani o stranieri, con i quali avrebbero bevuto e ballato. In seguito, le ragazze sarebbero state invitate nella camera d’albergo dei due, nella zona di viale Castro Pretorio, vicino al locale. Qui l’amica della ragazza tedesca sarebbe rimasta da sola di propria volontà con uno dei due ragazzi, mentre la 19enne si sarebbe rifiutata e avrebbe subito il tentativo di stupro da parte dell’ altro. Viale Castro Pretorio è la stessa strada dove una settimana fa una baby sitter finlandese è stata avvicinata da un bengalese che si è offerta di accompagnarla a casa e poi l’ha violentata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, turista canadese violentata: “L’uomo si è spacciato per un tassista”

next
Articolo Successivo

Torino, sgombero “senza violenza” dell’ex villaggio olimpico. Ma col freddo palazzine a rischio nuova occupazione

next