Quarto giorno in strada per i rifugiati eritrei sgomberati sabato scorso dal palazzo di via Curtatrone a Roma. In decine sono accampati sui giardinetti di piazza Indipendenza, a due passi dalla stazione Termini: “Ci hanno buttato fuori – ha spigato uno di loro -. Il Comune ci ha detto di aspettare ma sono tre giorni che dormiamo per strada. Siamo scappati dal nostro Paese perché c’è la guerra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sisma Ischia, la Procura valuta inchiesta per disastro colposo. Delrio: “Troppi crolli per una scossa di 4.0”

next
Articolo Successivo

Lloret de Mar, genitori di Ciatti contro la pagina Facebook ‘Morte agli assassini di Niccolò’: “Non fate donazioni”

next