Metti un sabato di agosto a Roma, di passaggio. Il sabato della settimana di Ferragosto, con più gente in giro di quanta se ne aspetterebbe la memoria di tempi passati. Metti quell’atmosfera rarefatta dell’estate piena, di cui già vedi la fine, quel momento di passaggio, quasi di disorientamento. Metti di tornare a casa, alle 23, e trovare steso per terra, un uomo che non capisci bene se è vivo o morto, se dorme o se è svenuto. Alto, provenienza intuitiva est Europa, accanto delle buste rotte. Metti che è tardi e la mattina dopo devi partire. La tentazione di decidere che è ubriaco e basta e andartene a dormire è forte. Poi però, vince un altro tipo di istinto. E da qui, la situazione, invece di essere impersonale, quasi surreale, diventa personale, reale.

Dunque, fermo la macchina. Vedo che svariati turisti passano, lo guardano, si guardano, vanno oltre. Poi arriva un ragazzo, un ambulante, nero, carico di roba, che si ferma. Lo scrolla. Gli parla. Si rende conto che è vivo. A quel punto, scendo. Lui mi guarda: “E’ vivo, ma non so se sta bene. Che dici, che facciamo? Chiamiamo un’ambulanza, o i carabinieri qui vicino e vediamo se loro capiscono meglio?”. Io gli dico: “Ok”. Parcheggio. Ci avviamo insieme. Fatto qualche metro, mi fermo, lo scruto e gli dico: “Tu vai, non ti preoccupare, ci penso io”. Lui mi sorride, vedo che respira, sollevato, mi abbraccia: “Grazie, grazie”, ripete, più volte, come se la cosa riguardasse lui. Mi stupisce, mi colpisce. Poi si gira, se ne va. Io completo la missione. Soprattutto grazie a lui.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il mio schermo di nubi bianchissime grande come il cielo

next
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, la rinascita dagli hotel alle imprese. “Noi, senza certezze, siamo usciti dall’inferno delle macerie”

next