Genetisti e archeologi, dalla scienza alla storia. Per la prima volta un team di ricercatori internazionali ha ottenuto e analizzato sequenze genomiche provenienti da antichi minoici e micenei, risalenti a 3-5 mila anni fa. Lo studio, pubblicato su Nature, suggerisce che minoici e micenei condividevano gran parte del loro patrimonio genetico e aiuta a comprendere meglio la storia delle origini dell’antica Grecia e i miti tramandati da Omero.

“Chi erano questi popoli dell’età del bronzo, gente che ha vissuto in un mondo rievocato dalla poesia di Omero? È stato un grande mistero”, spiega David Reich, dell’Howard Hughes Medical Institute, genetista evoluzionistico della Harvard Medical School. “Abbiamo deciso di indagare sulle origini di queste antiche civiltà” con gli strumenti della moderna medicina. Le teorie finora parlavano di migrazioni da varie località, tra cui l’Europa e l’Asia Minore, e in diversi momenti prima e durante l’età del bronzo.

Il lavoro di Reich e dei suoi colleghi suggerisce che circa tre quarti degli antenati di entrambi i popoli derivano dai primi agricoltori del Mar Egeo, abitanti di un’area tra cui l’Anatolia occidentale, la Grecia e le isole greche. Ma – a differenza del resto degli abitanti dell’Europa – una piccola parte degli antenati di minoici e micenei derivava da popolazioni del Caucaso e dell’Iran. Reich e i suoi colleghi dell’Istituto Max Planck di Jena (Germania) e dell’Università di Washington hanno collaborato con archeologi e antropologi greci e turchi per ottenere campioni di 19 soggetti dell’età del bronzo trovati in tombe e altri siti in tutta l’Egeo. L’antico Dna, attentamente estratto dalle ossa e dai denti è stato analizzato e confrontato con i dati di altri 332 antichi minoici e micenei e alcuni moderni cretesi. I risultati mostrano che in Grecia si è succeduta un’ondata di popoli con una stessa origine.

L’articolo su Nature

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Malattie genetiche, studio dell’università dell’Oregon: “Modificato con successo il Dna, possibile prevenire le ereditarie”

next
Articolo Successivo

Dna embrioni modificato, appello dei ricercatori di tutto il mondo: “Fare più test prima di intervenire”

next