L’Intesa Sanpaolo E-Football Cup è il torneo di PES 2017, organizzato da Personal Gamer in collaborazione con la banca torinese,che vedrà i giocatori sfidarsi a partire dal 29 Luglio al titolo calcistico di Konami su Play Station 4 con in palio un montepremi totale di 5.000€.

Il torneo prevede 8 qualifier online, giocati tra il 29 Luglio ed il 6 Agosto, aperti ad un massimo di 128 giocatori e 8 qualifier offline da giocare presso altrettanti sedi di Intesa Sanpaolo tra l’1 ed il 26 Settembre, con un massimo di 32 giocatori ciascuno. I vincitori degli 8 turni online saranno invitati ciascuno presso la sede dell’evento offline più vicino al loro luogo di residenza dove dovranno sfidare, al meglio di 5 partite, il vincitore della tappa con in palio uno degli 8 slot per il torneo finale che verrà giocato su PES2018 tra il 29 Settembre e l’1 Ottobre alla Milan Games Week.

Per partecipare i giocatori dovranno essere residenti in Italia ed essere tesserati con  GEC – Giochi Elettronici Competitivi, qualora non lo fossero già potranno tesserarsi gratuitamente. Gli organizzatori si farà carico di tutte le spese di viaggio e alloggio che si dovessero rendere necessarie per partecipare al turno finale o partecipare alla sfida in banca per coloro che han vinto le qualifiche online.

Vedere dopo Red Bull un’altra azienda esterna al mondo videoludico investire sugli sport elettronici in Italia lo riteniamo un segnale positivo per il movimento. Da parte sua il torneo con le sue doppie qualifiche online e offline potrebbe rivelarsi interessante nell’ottica dell’eterna sfida tra puristi del gioco dal vivo e la controparte in rete.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Razer Tiamat v2: il produttore di periferiche da gaming rinnova le sue cuffie di punta – FOTO

prev
Articolo Successivo

Foia e Pa, il ministero della Giustizia viola la trasparenza. E i cittadini vincono il ricorso

next