L’eco per la morte di Cecil il leone simbolo del parco nazionale Hwange in Zimbabwe durò giorni. Un’ondata di indignazione mondiale nell’estate del 2015 che perseguitò fino negli Usa il turista killer, un turista statunitense che fu costretto a sparire dalla circolazione per un po’. E così anche oggi fa notizia l’uccisione da parte di un cacciatore di trofei uno dei figli di Cecil. Un gruppo di animalisti, chiamato Friends of Hwange Trust, ha reso noto via Facebook che Xanda, un leone di sei anni, è stato ucciso nei giorni scorsi, caduto sotto i colpi d’arma da fuoco durante una legale battuta di caccia.

L’esemplare, che indossava un collare Gps installato da ricercatori, sarebbe stato ucciso fuori dai confini del parco nazionale. Secondo un altro gruppo, il World Heritage Species, a sparare a Xanda sarebbe stato un cacciatore non identificato che però avrebbe pagato circa 45mila euro per la battuta di caccia. L’associazione ha lanciato una petizione all’Onu perché i leoni siano protetti e diventino patrimonio protetto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siracusa, petrolchimico sotto sequestro: sigilli agli impianti Esso e Isab. Pm: “Hanno peggiorato la qualità dell’aria”

prev
Articolo Successivo

Pasta e riso, ora è obbligatorio indicare sull’etichetta la provenienza della materia prima: l’Italia anticipa l’Unione europea

next