Morsi alla testa e alla nuca. Un bambino di 20 mesi è stato azzannato da un pitbull, ieri sera a Catania. Secondo le prime ricostruzioni il piccolo stava giocando con un bambino di sette anni, nel cortile condominiale dove risiede con la famiglia. Il bimbo era stato affidato da sua madre alla vicina di casa, padrona del cane e madre dell’altro ragazzino. Poi, l’aggressione. La mamma della vittima e i padroni del pitbull hanno immediatamente tentato di liberare il piccolo dalle fauci del cane.  Il bambino è ricoverato in prognosi riservata nel reparto di neurochirurgia del Policlinico di Catania, ha riportato una frattura alla teca cranica. Secondo i medici è grave ma non in pericolo di vita. Il cane è stato sequestrato dalle volanti intervenute sul luogo dell’aggressione.  I coniugi proprietari del pitbull sono stati denunciati, in stato di libertà, per omessa custodia e malgoverno di animali e per lesioni personali colpose gravi. La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torre Annunziata, crollo della palazzina: recuperati i corpi delle otto vittime. Ci sono anche due bambini (FOTO)

prev
Articolo Successivo

Terrorismo, fermato in Puglia un foreign fighter ceceno: “Gli italiani sono peggio degli animali, puniamo questi diavoli”

next