Giuseppe D’Ambrosio Angelillo, già solo pronunciare il suo nome e i suoi due cognomi è per me fonte di piacere. E io non posso vivere senza provare piacere. Detesto il dolore, appena ho il mal di testa corro in farmacia. Con Giuseppe ho provato i seguenti piaceri: il piacere di parlare con una persona intelligente e colta, sensibile e gentile, il piacere di rievocare Franco Fergnani, il più grande esperto di Sartre e indimenticabile docente di Filosofia morale della Statale di Milano, il piacere di sentire i suoi racconti sull’amicizia con Alda Merini, la più grande poetessa “vivente” (i poeti non muoiono mai), e il piacere di sorseggiare insieme a lui un Martini Rosso estratto da un frigo vuoto ma pieno di ricordi.

Che cosa mi ha spinto a fare questo video ritratto? Il piacere della riconoscenza per tutti i libri che Giuseppe ha scritto e pubblicato con la sua casa editrice Acquaviva. Anche pronunciare il nome della sua casa editrice è fonte di piacere: Acquaviva per tutti gli assetati. Per tutti gli assetati di cultura e di vita, per tutti quelli che non si rassegnano al deserto mentale che avanza ogni giorno. L’utopia è un miraggio? Non lo so, in ogni caso è l’unico miraggio in grado di dissetarci, come l’amore.

Infine voglio dirvi qual è stato il piacere più intenso: incontrare un essere umano. Non capita spesso di questi tempi. E per essere umano intendo un uomo sempre alla ricerca di se stesso, un uomo che si cerca sempre a un indirizzo diverso, anche perché viene spesso sfrattato, ma che importa uno sfratto quando in gioco c’è la verità del proprio volto? Vivere e morire con il proprio volto, questa è la vera Utopia, non altro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cerco in me la donna

prev
Articolo Successivo

La sinistra non esiste, ma la destra sì

next