Fino a domenica scorsa era il sindaco di Niscemi. Poi è stato battuto al ballottaggio da Massimiliano Conti, eletto primo cittadino al suo posto. E oggi è finito agli arresti. C’è anche il nome di Francesco La Rosa tra quelli raggiunti dall’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Caltanissetta dopo la richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia. Gli arresti arrivano alla fine di un’inchiesta della Squadra mobile di Caltanissetta per associazione mafiosavoto di scambio politico mafioso.  Raggiunto dall’ordinanza anche il capomafia di Gela, Alessandro Barberi, già detenuto, e due uomini dell’entourage dell’ormai ex primo cittadino nisseno.

Secondo gli inquirenti, La Rosa avrebbe stretto “un patto con Cosa nostra alle amministrative del 2012″, quando venne eletto sindaco per la prima volta con una lista civica. E dopo avere vinto avrebbe condizionato l’attività amministrativa di questi anni fino alla sconfitta di domenica scorsa. Le ultime elezioni sono oggetto dell’inchiesta della procura di  Caltanissetta.

Le indagini dei poliziotti della squadra mobile “hanno permesso di accertare che appartenenti all’organizzazione criminale mafiosa Cosa nostra di Niscemi e di Gela si incontravano in aperta campagna per discutere degli accordi politico-mafiosi“, dicono gli inquirenti.  In totale sono nove le ordinanze di custodia cautelare notificate dagli investigatori:  quattro persone sono finite in carcere, altri cinque agli arresti domiciliari. I particolari dell’operazione di polizia giudiziaria denominata ”Polis” verranno divulgati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11, presso la procura della Repubblica di Caltanissetta.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consip, Lillo: “Mi gioco la mia credibilità di uomo e giornalista: la mia fonte non è Woodcock”

prev
Articolo Successivo

Consip, De Magistris: “Troppe ombre su inchiesta, così si crea confusione. E la gente non sa più dove sta il bene e dove il male”

next