Lo scheletro di un cane accucciato davanti a una porta e “verosimilmente rimasto intrappolato nell’edificio al momento dell’incendio”. E poi un pregevole pavimento a mosaico bianco e nero e parti del solaio ligneo e del mobilio. Sono alcuni dei reperti venuti alla luce nel corso degli scavi in via dell’Amba Aradam per la costruzione della Metro C di Roma. Ritrovamenti che svelano un nuovo scenario ‘pompeiano’: due ambienti della media età imperiale che si sono parzialmente conservati a causa di un incendio. Il materiale rinvenuto “si conserva solo in eccezionali condizioni ambientali e climatiche – spiegano dalla soprintendenza speciale di Roma – oppure a seguito di eventi speciali come ad esempio accaduto a Ercolano e Pompei. La scoperta del solaio ligneo carbonizzato rappresenta un unicum per la città”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ventimiglia, caos migranti. 400 profughi lasciano il fiume Roja per dirigersi al confine con la Francia

prev
Articolo Successivo

Paura a Torino: condominio in fiamme vicino alla Gran Madre. Famiglie evacuate, nessun ferito

next