Al termine dell’incontro con Raffaele Cantone nella sede Anac, l’ad uscente di Consip Luigi Marroni spiega il contenuto dell’incontro, programmato da tempo, con il capo dell’Anticorruzione: “Ho portato i documenti dell’esclusione delle aziende Romeo dalla gara FM4 (quella da 2,7 mld di euro, ndr) a seguito di una serie di questioni che gli abbiamo contestato”. Ma a tenere banco resta le dimissioni del Presidente e di un consigliere Consip, con la conseguente decadenza del cda e di fatto, l’uscita di scena dello stesso Marroni da amministratore Consip. “Se c’erano le condizioni per andare avanti? Chiedete all’azionista” afferma Marroni. Cioè al Ministero del Tesoro, quindi a Padoan. Per il resto Marroni si trincera dietro alcuni “no comment”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sfregiata con l’acido a Rimini: Comune si costituisce parte civile: “E’ stata violenza verso tutte le donne”

next
Articolo Successivo

Firme false M5s, 14 a giudizio: anche i deputati Nuti, Di Vita e Mannino. E Ciaccio si dimette dall’Ars

next