L’agente di polizia che ha ucciso l’afroamericano Philando Castile lo scorso anno durante un controllo di routine è stato assolto da tutti i capi d’accusa. La decisione della giuria è arrivata dopo 29 ore di deliberazioni su un caso che aveva infiammato gli Stati Uniti  con un filmato diventato virale su Facebook. Nonostante l’assoluzione Yanez è stato licenziato. Jeronimo Yanez aveva fermato Castile vicino Minneapolis, in Minnesota, perché riteneva che l’uomo corrispondesse alla descrizione di un sospettato per una rapina recente. Lo stop però è finito male con Castile ucciso. La polizia ha diffuso un nuovo video della sparatoria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Francia, si dimette anche il ministro della Giustizia Bayrou. Oggi il nuovo governo

next
Articolo Successivo

Bruxelles, il kamikaze della stazione era un 36enne di Molenbeek simpatizzante dell’Isis: ‘Non indossava cintura esplosiva’

next