L’agente di polizia che ha ucciso l’afroamericano Philando Castile lo scorso anno durante un controllo di routine è stato assolto da tutti i capi d’accusa. La decisione della giuria è arrivata dopo 29 ore di deliberazioni su un caso che aveva infiammato gli Stati Uniti  con un filmato diventato virale su Facebook. Nonostante l’assoluzione Yanez è stato licenziato. Jeronimo Yanez aveva fermato Castile vicino Minneapolis, in Minnesota, perché riteneva che l’uomo corrispondesse alla descrizione di un sospettato per una rapina recente. Lo stop però è finito male con Castile ucciso. La polizia ha diffuso un nuovo video della sparatoria.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Francia, si dimette anche il ministro della Giustizia Bayrou. Oggi il nuovo governo

next
Articolo Successivo

Bruxelles, il kamikaze della stazione era un 36enne di Molenbeek simpatizzante dell’Isis: ‘Non indossava cintura esplosiva’

next