Il politecnico di Milano, in collaborazione con ERP Italia, installerà 25 contenitori per la raccolta delle pile esauste nella sede storica di Città Studi e di Bovisa. Il progetto di sensibilizzazione ambientale, presentato oggi presso l’Aula Magna del Politecnico di Milano, coinvolgerà l’intera comunità politecnica, composta da circa 38.000 studenti e circa 5.500 dipendenti e collaboratori e verrà realizzato grazie ad un accordo tra ERP Italia e AMSA, Azienda Milanese Servizi Ambientali, che gestisce la raccolta dei rifiuti per il Comune di Milano. In affiancamento al progetto è stato previsto lo svolgimento di un tirocinio volto a monitorare e ad analizzare i risultati ottenuti.

La nuova collaborazione è stata presentata nel corso del convegno “Gestione dei RAEE, delle Pile e degli Accumulatori in Italia. Come implementare localmente in modo efficiente le Direttive Europee” che si è svolto a Milano nell’Aula Magna del Politecnico di Milano, sede di Città studi, e che si colloca tra gli eventi organizzati dal Politecnico di Milano nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile.

“Il progetto-pilota – ha commentato Alberto Canni Ferrari, Country General Manager di ERP Italia – fa parte del nostro impegno di sensibilizzazione attiva nei confronti dei cittadini, in questo caso gli studenti, mettendo a disposizione un importante know-how acquisito nel corso degli anni”. “La corretta raccolta differenziata dei rifiuti rappresenta un obiettivo importante per l’Ateneo – ha affermato Graziano Dragoni, Direttore Generale del Politecnico di Milano – Siamo fiduciosi che la partnership con ERP Italia ci consentirà di sensibilizzare con maggior efficacia la popolazione politecnica, con riferimento all’ambito dei RAEE ed in particolare delle pile esauste”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, Mercalli: “Con Trump andiamo indietro di 20 anni. Come avvenne con Bush per Kyoto”

next
Articolo Successivo

Venezia, al posto delle bricole marce c’è l’ipotesi dei pali sintetici. La protesta: “Materiali tossici che costano il doppio”

next