Tributo di Ficarra e Picone al magistrato Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia 25 anni fa assieme alla moglie Francesca Morvillo e agli agenti della scorta Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani. Nella loro consueta apertura di Striscia La Notizia, in onda ogni sera alle 20.30 su Canale5 (qui la puntata integrale), i due comici, che anche lo scorso anno resero omaggio al sacrificio del giudice siciliano, menzionano la denuncia di Ilda Boccassini, amica e collega di Falcone. “Boccassini ha detto che Falcone, adesso tanto celebrato da tutti, in vita fu molto osteggiato” – spiega Picone – “Venne addirittura bocciato come consigliere istruttore, come procuratore di Palermo e come candidato al Csm. Uno allora si chiede: perché lo bocciavano sempre?”. “Perché non erano sicuri che sarebbero riusciti ad ammazzarlo“, risponde Ficarra. Picone poi cita il presidente della Repubblica Mattarella: “Ha detto che anche le istituzioni non devono limitarsi al dolore e al ricordo”. “E infatti” – commenta Ficarra – ” potrebbero provare anche un po’ di rimorso. Sarebbe cosa e buona giusta. Tra l’altro, tra i tanti che hanno ricordato Falcone, c’è stato anche il presidente del Senato, Pietro Grasso. Ha detto che, se fossero vivi Falcone e Borsellino, avremmo un’Italia migliore“. “E invece abbiamo quella che meritiamo“, chiosa Picone

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giovanni Falcone, il magistrato ucciso a Capaci spiegato ai bambini: tre racconti di chi ci ha lavorato fianco a fianco

next
Articolo Successivo

Strage di via D’Amelio, due pg di Catania chiedono scusa per le condanne ingiuste

next