Il giovane Thierno Ka racconta cosa lo ha spinto a cercare fortuna in Libia e come abbia scelto di rientrare da quella situazione difficile. Il ragazzo, che vive in un villaggio isolato, spiega che è meglio restare, soprattutto da quando “grazie a Falilou è arrivata l’acqua, risolvendo il problema dell’irrigazione” (si riferisce a Falilou Diagne, Presidente di Ugpm, l’Unione dei Gruppi Contadini di Mekhe, partner locale di Fratelli dell’uomo). 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il ciclista la rimprovera perché guida con il telefonino. Lei lo insegue e lo investe

prev
Articolo Successivo

“Questo è il nostro ultimo tg”. La conduttrice apprende la notizia in diretta e non riesce a trattenere l’emozione

next