Il giovane Thierno Ka racconta cosa lo ha spinto a cercare fortuna in Libia e come abbia scelto di rientrare da quella situazione difficile. Il ragazzo, che vive in un villaggio isolato, spiega che è meglio restare, soprattutto da quando “grazie a Falilou è arrivata l’acqua, risolvendo il problema dell’irrigazione” (si riferisce a Falilou Diagne, Presidente di Ugpm, l’Unione dei Gruppi Contadini di Mekhe, partner locale di Fratelli dell’uomo). 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ciclista la rimprovera perché guida con il telefonino. Lei lo insegue e lo investe

next
Articolo Successivo

“Questo è il nostro ultimo tg”. La conduttrice apprende la notizia in diretta e non riesce a trattenere l’emozione

next