Anche a marzo il tasso di disoccupazione giovanile è continuato a calare, scendendo al 34,1%: è il minimo dal febbraio 2012. È però risalito dello 0,1% quello generale, tornato all’11,7% contro una media dell’Eurozona del 9,5%. Quello italiano è il quarto dato più alto dopo quelli di Grecia, Spagna (18,2%) e Cipro (12,5%). Dai dati provvisori resi noti martedì dall’Istat emerge anche una lieve contrazione degli occupati, diminuiti di 7mila unità rispetto a febbraio. E’ l’effetto di un calo dello 0,1% del tasso di inattività, che indica la quota di italiani che hanno smesso di cercare un lavoro perché non sperano più di trovarlo.

Nel corso del mese l’occupazione è calata tra gli over 50, invertendo una tendenza che proseguiva dal 2016, mentre è aumentata nelle altre classi di età, in particolare le più giovani: tra i 15-34enni si sono registrati 44mila occupati in più. Cresce il numero di lavoratori dipendenti (+63mila), sia permanenti (+41mila) sia a termine (+22mila), mentre calano gli indipendenti (-70mila). Il tasso di occupazione è comunque stabile al 57,6%

La disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni a marzo è calata di 0,4 punti su febbraio e di tre punti su marzo 2016. Cresce anche il tasso di occupazione che in questa fascia di età tocca a marzo il 17,2% con un aumento di 0,4 punti su febbraio e di 0,8 punti su marzo 2016. Gli occupati under 25 sono 1.013.000, 24mila in più rispetto a febbraio e 42mila in più rispetto a marzo 2016.

Opposta la tendenza per gli over 50: quelli in cerca di lavoro sono saliti a 567mila, 59mila in più rispetto a febbraio e 103.000 in più rispetto a marzo 2016. Il numero di disoccupati in questa fascia di età è ai massimi dall’inizio delle serie storiche (2004) e supera quello dei disoccupati tra i 15 e i 24 anni (524.000). Il tasso di disoccupazione è inoltre salito al 6,9% per la fascia tra i 50 e i 64 anni. E’ la prima volta dall’inizio delle serie storiche mensili (2004) che i disoccupati over 50 superano quelli tra i 15 e i 24 anni, che a marzo erano 524mila.

Gli occupati totali a marzo sono stati 22.870.000, 213mila in più rispetto a marzo 2016. I disoccupati sono saliti invece a quota 3,022 milioni con un aumento di 41mila unità rispetto a febbraio e una crescita di 88mila unità rispetto a marzo 2016. Il dato è legato principalmente al calo dell’inattività, che è scesa dello 0,1%, al 34,7%. Gli inattivi nella fascia 15-64 anni sono diminuiti di 34mila unità su febbraio e di 390mila su marzo 2016.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primo maggio, uno spettro si aggira per l’Italia. Quello del lavoro nero

next
Articolo Successivo

Ape social, Consiglio di Stato chiede modifiche: “Inserire gli operai agricoli e spostare termine domande al 31 luglio”

next