Con Berlusconi un’alleanza per governare si può fare, con gli ex del Pd invece di sicuro no. Matteo Renzi raffina meglio la sua opinione sui possibili accordi del Partito democratico. Nel confronto tv su Sky l’ex segretario ha detto di non poter escludere le larghe intese con il centrodestra anche per via di questa legge elettorale anche se precisa a Rtl che il suo rapporto con il leader di Forza Italia “è inesistente da mesi” anche perché “Berlusconi è venuto meno ad un impegno sulle riforme scegliendo di appoggiare chi pensava che la riforma costituzionale fosse un attentato alla Costituzione”. Di una cosa però l’ex presidente del Consiglio è certo: “Con quelli che sono andati via dal Pd, è ovvio che non faremo alleanze. Non perché hanno insultato me ma perché hanno tradito decine di migliaia di militanti”. A suo avviso, “la gente non ci capirebbe: se ci mettessimo insieme il giorno dopo le elezioni penserebbero a una questione di poltrone”.

Così è diventata la differenza più evidente tra Renzi e i suoi rivali nella corsa alla segreteria del Partito democratico. Andrea Orlando lo ribadisce a RepubblicaTv:  “Se si dovesse porre questo tema, io chiederò la convocazione di un referendum, previsto dallo Statuto, per decidere se andare da con Berlusconi o Pisapia. Io tra Pisapia e Berlusconi scelgo Pisapia, se per questioni di rancore personale per Renzi non è così non credo sarà compreso dal nostro popolo”. Il ministro della Giustizia definisce “stravaganti” le dichiarazioni di Renzi sul tema delle alleanze. Anzi, il referendum – dice Orlando – si farà che lui diventi segretario oppure no. “E credo che avrò una maggioranza schiacciante”.

D’altra parte le parole di Renzi sono coerenti con quello che neanche troppo sotto traccia è avvenuto nelle ultime settimane. Primo: un’intervista al Foglio del capogruppo del Pd al Senato Luigi Zanda che aveva parlato di “un fronte anti-Grillo” e aveva aggiunto che per questo “anche i Democratici devono sperare in Forza Italia”. Secondo: in un’altra intervista al Foglio, il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda teorizza un programma di governo condiviso tra centrosinistra e centrodestra in modo da poter costruire più facilmente le larghe intese dopo il voto. Terzo, ma più importante, la richiesta del Pd in materia di legge elettorale in commissione Affari costituzionali della Camera: il premio di maggioranza alla lista e non alla coalizione. “Siamo al quinto mese di rinvii – dice oggi Renzi – Ho l’impressione che i partiti non ne vogliano sapere, d’altra parte io l’avevo detto prima del referendum che sarebbe stata la palude. Ora faccia la proposta il fronte del No, la mia base resta il maggioritario ma io sono minoranza”. “Serve un meccanismo come i collegi”, aggiunge, per creare un rapporto con il territorio altrimenti “se fai le liste bloccate i deputati cambiano casacca 6-7 volte”. Ma anche qui trova il controcanto di Orlando: “Chiedere a quella che lui chiamava accozzaglia di fare proposta su legge elettorale è divertente. Lo abbiamo detto noi che era una sommatoria di posizioni tutte diverse, ora per Renzi si mettono d’accordo? E’ un espediente retorico. Toccherà al Pd fare una proposta”.

Il ministro della Giustizia, tra l’altro, rende esplicito oggi quello che si è già capito all’epoca dello stallo sull’approvazione della riforma del processo penale e della prescrizione che in autunno provocavano non pochi problemi alla maggioranza. “La riforma della giustizia – racconta il Guardasigilli – non è stata supportata da tutta la compagine del governo. Renzi nel momento in cui si è deciso di sospendere qualsiasi attività nei 6 mesi prima del referendum, ha deciso che quella cosa non doveva essere sul tavolo. Io ritenevo che fosse mio dovere istituzionale farla andare avanti”. Anche per questo Orlando esclude che farà ancora il ministro di un governo Renzi: “Gli errori del governo Renzi, del quale ho fatto parte, hanno avuto cartina di tornasole nel voto del referendum”. Sì ma non è poco credibile presentarsi come alternativa dopo aver fatto parte dello stesso governo? “Errare umano perseverare è diabolico. Se lui può fare autocritica non so perché non posso farla io. Io ho sempre insistito sul fatto che il Pd, così com’era, non era in grado di supportare un percorso riformista”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Renzi: “Con quelli che sono andati via dal Pd non faremo alleanze, è ovvio”

next
Articolo Successivo

Primarie Pd, Orlando: “Renzi guarda a Berlusconi? Referendum tra gli iscritti. Alfano? No veti, ma c’è distanza”

next