Nel 2013 aveva tagliato il rating dell’Italia da A- a BBB+. E quattro anni dopo Fitch taglia ulteriormente a ‘BBB’. Ma non solo: perché in una nota l’agenzia punta il dito contro l’attuale situazione politica del nostro Paese. “I rischi di governo debole o instabile sono aumentati – si legge in una nota – così come la possibilità di partiti populisti e euroscettici che influenzano la politica”. E, aggiunge, “un populismo in crescita può sminuire l’appetito politico per la riforma, aumentare la pressione per lo svuotamento fiscale e pesare sul sentiment degli investitori”.

Fitch stima che il pil dell’Italia crescerà dello 0,9% quest’anno e dell’1% nel 2018, il che porterebbe il prodotto interno lordo reale oltre il 5% sotto il livello del 2007. Numeri che evidenziano come come la Penisola cresca troppo poco. Criticità anche sul ritardo nel consolidamento dei conti: l’agenzia evidenzia infatti il “fallimento” sul fronte della riduzione dell’elevatissimo livello del debito pubblico. “Questo – continua – espone maggiormente il Paese a potenziali shock sfavorevoli”.

Inoltre “le debolezze delle banche” italiane aumentano i rischi al ribasso per l’economia e le finanze pubbliche. L’outlook per il settore bancario è “negativo” e questo è legato soprattutto alle sfide per ridurre i crediti deteriorati e la debole redditività. “Il persistente peggioramento fiscale dell’Italia, il ripiegamento del consolidamento, la debole crescita economica e la conseguente mancata riduzione dell’elevato livello del debito delle amministrazioni pubbliche hanno lasciato più esposizione ai potenziali shock avversi. Ciò è aggravato da un aumento del rischio politico e dalla debolezza continua del settore bancario che ha richiesto un intervento pubblico previsto in tre banche a partire da dicembre”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Monte dei Paschi, imputazione coatta per gli ex vertici Profumo e Viola. Il prossimo ad di Leonardo andrà a processo

next
Articolo Successivo

Elezioni Francia, i mercati scommettono su Macron. Parigi a +4%, lo spread cala e l’euro sale ai massimi da 6 mesi

next