Continua senza sosta anche a Pasqua, nelle terre di confine tra il bolognese e il ferrarese, la caccia a Norbert Feher alias Igor Vaclavic, il killer serbo ricercato da due settimane per gli omicidi del barista Davide Fabbri, ucciso la sera dell’1 aprile a Riccardina di Budrio durante un tentativo di rapina, e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri, assassinato una settimana dopo nella zona di Portomaggiore mentre era impegnato con un collega della polizia provinciale in un servizio anti-bracconaggio. Sono centinaia le forze dell’ordine impegnate quotidianamente nell’immensa area boschiva (40 chilometri quadrati) tra le oasi di Campotto e Marmorta. “Lasceremo questo spiegamento di forze sul territorio finché non lo avremo trovato”, ha detto ieri – rispondendo anche alla preoccupazione degli abitanti – il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, intervenuto a nome del Governo ai funerali di Verri a Ospital Monacale. Gli investigatori lavorano anche sulle celle telefoniche e sui possibili appoggi del killer.

Norbert potrebbe aver avuto bisogno di cure. L’attenzione si rivolge anche ai centri abitati e a chi potrebbe coprire o aver aiutato il killer, ad esempio facendogli avere disinfettanti e garze trovati nei giorni scorsi a bordo del Fiorino rubato che usava quando è stato sorpreso dalla pattuglia a Portomaggiore. Si passano al setaccio pure le farmacie, dove il killer potrebbe essersi procurato garze e disinfettante, ma nessuno dice di averlo riconosciuto.

Forze dell’ordine e reparti speciali continuano a setacciare quell’ampio territorio tra le province di Ferrara e Bologna palmo a palmo, senza tregua, considerando ogni segnalazione, come quella che dava Norbert/Igor forse all’interno di una chiesa sconsacrata. Un falso allarme, come altri che hanno impegnato militari e agenti fino al Riminese. C’è anche una rete di possibili conoscenze su cui gli investigatori operano nel riserbo: diversi gli stranieri che abitano in zona monitorati e ascoltati.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Igor Vaclavic, la fuga continua. Tre procure indagano: “La sua firma anche su altri delitti”

next
Articolo Successivo

Garlasco, Alberto Stasi condivide lo stesso reparto di Alexander Boettcher nel carcere di Bollate

next