I colpi di pistola, poi l’arrivo della polizia e l’ipotesi di un omicidio – suicidio. È quello che è successo in una scuola elementare di San Bernardino, in California, dove una sparatoria ha causato almeno due morti. Le vittime sono due adulti, mentre altri due studenti sono rimasti feriti.

L’allarme è scattato poco dopo le 10 e 30 locali (le 19.30 in Italia), quando alla Northpark Elementary School  si sono sentiti alcuni colpi di arma da fuoco. La scuola è ora in lockdown, è stata cioè isolata.  “Riteniamo sia un omicidio-suicidio. È accaduto in una classe. Due studenti sono stati trasportati in ospedale”, dice il capo della polizia della città americana, Jarrod Burguan, su Twitter, riferendosi ai feriti. “Ci sono due adulti sono morti in classe, in quello che riteniamo un omicidio-suicidio. L’aggressore è a terra. Riteniamo non ci siano ulteriori minacce”, ha spiegato sempre Burguan.

Secondo le prime ricostruzioni dei media americani lo sparatore sarebbe entrato in classe con il volto coperto con una bandana nera e avrebbe aperto il fuoco. La città californiana era finita recentemente al centro delle cronache per la strage in un centro disabili in cui il 2 dicembre del 2015 morirono 14 persone. I responsabili di quell’attacco furono individuati in Tashfeen Malik Syed Rizwan Farook, suo marito, che secondo l’intelligence statunitense aveva “prestato giuramento” allo Stato Islamico. La matrice di quell’attacco era dunque di stampo jihadista. I fatti odierni, invece, sembrano per il momento non avere alcuna connotazione terroristica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Usa, Neil Gorsuch è il nuovo giudice della Corte Suprema: conservatore nominato da Donald Trump

next
Articolo Successivo

Corea del Nord, Trump: “Cercano guai”. Pyongyang minaccia gli Usa: “Pronti a reagire a qualsiasi tipo di guerra”

next