È deceduto il bambino di 23 mesi caduto sabato sera in un pozzo a Velletri, vicino a Roma. Portato in salvo dai vigili del fuoco e trasportato d’urgenza all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, le sue condizioni erano apparse subito gravissime. Il decesso è avvenuto nel tardo pomeriggio di lunedì per un arresto cardiocircolatorio.

L’incidente è avvenuto in una proprietà agricola a Velletri, in provincia di Roma. Secondo le ricostruzioni, il bimbo – Adrian, di origini romene – stava giocando in giardino quando, approfittando di un attimo di distrazione della mamma e del nonno, si è avvicinato al pozzo recintato ed è precipitato al suo interno, rimanendo a lungo sott’acqua e riportando gravi traumi. Il nonno si è calato all’interno con un tubo per l’irrigazione e ha tenuto Adrian fuori dall’acqua fino all’arrivo dei pompieri, che hanno riportato entrambi in superficie. Ma le condizioni di Adrian sono parse subito disperate: ricoverato con una diagnosi di annegamento e arresto cardiocircolatorio, dall’ospedale avevano fatto sapere che necessitava “di supporto vitale avanzato”. È stato mantenuto in sedazione farmacologica profonda e in ipotermia terapeutica fino al decesso, avvenuto alle 18.35.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Empoli, paziente ruba l’ambulanza: fermato sulla A1 dopo 150 chilometri

next
Articolo Successivo

Torino, motocicletta investe e uccide pedone. Morti anche i due passeggeri

next