Una Citroen rossa si è lanciata ad alta velocità contro la folla nella zona della principale area pedonale di Anversa, in Belgio. Non risultano al momento esserci feriti, l’auto è stata intercettata dai militari e l’uomo alla guida è stato arrestato, come riferiscono i media fiamminghi. La Procura federale belga ha annunciato che l’uomo arrestato si chiama Mohamed R. ed è un francese domiciliato in Francia, nato nel 1977. Nel bagagliaio della sua auto sono state trovate delle armi bianche, un’arma antisommossa e una tanica “contente un prodotto non ancora identificato”.

Il sindaco di Anversa, Bart de Wever, ha parlato di un “attentato sventato” nella sua città. In realtà non è ancora chiaro se si tratti di un tentativo di emulare il gesto dell’attentatore di Londra. Le autorità francesi ritengono invece che l’uomo arrestato è un tunisino probabilmente ubriaco che voleva sfuggire a un controllo stradale. Lo ha fatto sapere una fonte vicina alle indagini, aggiungendo che non era noto ai servizi di intelligence ma alla polizia per reati comuni. Secondo la tv belga Rtbf è legato al traffico di droga, che spiegherebbe la sua presenza ad Anversa, e nella sua auto sono stati trovati stupefacenti.

Il capo della polizia di Anversa, Serge Muyters, ha spiegato che verso le 11 di mattina un veicolo si è introdotto nel Meir, zona pedonale piena di negozi, e le persone “hanno dovuto correre ai lati per evitarlo“. Dei poliziotti hanno cercato subito di intercettarlo, ma l’auto a quel punto ha cambiato direzione andando verso Quai Saint Michel. Poi è stato bloccata e la persona alla guida arrestata. L’uomo, ha aggiunto il capo della polizia, “aveva una tenuta mimetica” ed è di “origine nordafricana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attentato a Londra, ecco cosa non ci diranno

prev
Articolo Successivo

Ubriaco perde l’equilibrio e cade sui binari della metro. Lo studente non aspetta un secondo e lo salva così

next